La sfortune di Solofra

 

 

 

 

 

“Le origini del nome sono incerte”

 

Affermazione non vera. Basta consultare il Dizionario Etimologico della Utet (pubblicato negli anni Sessanta) per trovare l’etimologia del nome. Questo dizionario riporta la dimostrazione fatta dal linguista Giovanni Alessio che è scientificamente corretta anche perché supportata da fatti storici.

 

 

C’è chi pensa che il paese sia sorto dalla distruzione di Sabazia, qualche altro parla di un tempio dedicato al Sole e che per l’appunto da “Solo offerens” sia derivato Solofra.

 

 

Nella prima parte di questa frase si parla del paese nella seconda parte del termine “Solofra”. A parte la evidente sconnessione logica unita all’errore della espressione latina, che è “Soli offerens”, in questa frase ci sono superficialità e incongruenze.

 

In un testo turistico che deve dire, in poche righe, le cose essenziali di questo paese è dispersivo riferire ciò che si è detto di Solofra nel passato, che è una questione storiografica, quindi risulta inopportuna.

 

Quando a Solofra furono scoperte, negli anni settanta, le tombe sannitiche, l’origine sannita di Solofra, non riferibile a Sabatia, divenne un fatto storico.

 

Il tempio al sole e l’adorazione del Sole, di origine romana, hanno determinato non l’origine di Solofra o del suo termine, ma solo l’introduzione di questo elemento (il sole appunto) nello stemma del paese.    

 

 

Vedi

 

Toponomastica solofrana

 

I Sanniti a Solofra

 

I Romani a Solofra

 

 

 

 

 

Vai ad altre sfortune

 

 

 

 

 

Home

 

Scrivi