Il formato in pdf con la risposta di Riccardo Lattuada e la contro risposta

 

Gli errori di un’importante opera sul Guarini

 

R. Lattuada in Francesco Guarino da Solofra nella pittura napoletana del Seicento (1611-1651), Edizioni Paparo, Napoli, 2000

*

S. Andrea, frazione di Solofra, è detta S. Andrea del Serino” (p. 139) (errore che si ripete in scritti successivi dello studioso) [questa frazione dal XIII secolo è stata chiamata S. Agata di Solofra];

 

Questo errore che ha provocato un grave danno

poiché la patria di Francesco Guarini è detta nei cartigli dei musei (v. Capodimonte)

S. Andrea del Serino

 

Il castello longobardo sarebbe stato trasformato nel palazzo ducale (“il loro [riferito agli Orsini] Castello, poi trasformato in Palazzo”, p. 23);

Gli Orsini non acquistarono il feudo nel 1537 (p. 36, n. 7), ma nel 1555. Nell’anno citato invece Solofra ratificò l’autonomia.

La costruzione della Collegiata verrebbe dopo quella del palazzo Orsini: “nel tessuto urbano di Solofra essa rappresenta il simbolo di una classe consapevole del proprio ruolo, che non a caso decise di costruire il suo monumento nella stessa piazza dove sorgeva già il Palazzo degli Orsini (p. 23).

 

La Collegiata invece fu costruita prima del Palazzo Ducale a partire dal 1522. Furono invece gli Orsini a costruire di fronte alla Collegiata il loro Palazzo. E siccome i rapporti con la Comunità solofrana mai furono buoni per le prepotenze del feudatario che danneggiava il commercio, nella piazza tra i due monumenti bisogna vedere rappresentata questa opposizione. 

 

Non si considerano le lotte tra la comunità solofrana e gli Orsini alla fine del XVI secolo e a cavallo tra sei/settecento, né si sottolinea che i due monumenti nella loro “frontalità” mettono in risalto questo importante elemento storico.

 

Non si considerano i veri motivi legati alla costruzione della Collegiata con la quale la comunità solofrana si creò un centro economico per sostenere, con la finanza ecclesiastica, le proprie attività artigiano-mercantili, né i veri motivi per cui gli Orsini costruirono sia il Convento di Santa Maria delle Grazie (poi S. Chiara), sia il Convento di S. Domenico.

 

Questi errori solo per snobbare la storia di Solofra

 

Fa così paura la storia locale?

 

 

 

 

 

 

Vai ad altre sfortune

 

Home

 

Scrivi