Il Sorbo

Uno dei più antichi insediamenti di Solofra

.

Il rione Sorbo insieme a Caposolofra e ai Balsami è uno dei più antichi insediamenti di Solofra. La sua parte bassa, il Sorbo sottano, toccava la zona più importante di Solofra, dove si svolgeva il commercio, che per arrivare a Turci passava per via S. Giacomo e via Afflitta (non c'era il viale S. Domenico) e ciò lo rese un casale ricco e popoloso. Molti sono i toponimi antichi del casale che danno importanti informazioni, a cominciare dal nome "sorbo" di impronta sannita, poi "caprai" che si riferisce alla primitiva attività svolta nella conca e più sopra "campo del lontro" (fossa per la macerazione e la concia delle pelli). Questi due ultimi indicano due luoghi che si trovavano in uno stesso fondo dove i pastori conciavano le pelli dei loro animali con metodi rudimentali. Poco distante dal Sorbo ci sono due località, "scorza", che indica la sostanza con la quale veniva praticata la concia vegetale e "balsami" che si riferisce alle sostanze che ammorbidivano le pelli dopo la concia e che servivano anche per attenuare il loro caratteristico odore. Nel vicino casale di Caposolofra c'è inoltre il vallone "cantarelle", detto così perché lungo di esso c'erano i "cantari" che sono vasche per la concia. Attraverso questi toponimi si individua la primitiva attività svolta dagli abitanti di questa zona e dell'intera conca solofrana: quella di pastori che conciavano le pelli.

Il rione ha avuto anche la più antica abitazione, la "cortina", che è ricordata da antichi toponimi della zona e cioè "le corti", "alle corti", "la corticella". Le cortine erano abitazioni che sorgevano intorno ad un cortile interno al quale si accedeva attraverso un passaggio, detto "wafio". Esse erano derivazioni delle "ville rustiche romane", le masserie poste nella zona bassa della conca solofrana (tra S. Agata e la Consolazione) e che avevano un cortile interno che si chiamava "curtis" (da cui il nome "cortine") intorno al quale c'erano le abitazioni dei contadini-pastori che nel periodo romano abitavano a Solofra.

Quando a causa delle invasioni le ville romane furono abbandonate, gli abitanti della conca si rifugiarono sulle zone alte più sicure, a Cortina del cerro, a Le Cortine di S. Agata e al Sorbo, dove costruirono le loro case a modello delle ville, che avevano avuto in pianura e che negli ultimi tempi dell'impero già avevano mostrato le loro capacità difensive. In quei tempi pericolosi il wafio veniva chiuso e la famiglia che vi abitava non correva più pericolo. Esse inoltre erano capaci di accogliere le ampie famiglie di allora con i nuclei familiari di tutti i figli del capofamiglia, che insieme svolgevano la stessa attività trovando in questa unione una grande forza.

In questo casale ci sono stati i primi fondi documentati nell'alto medioevo. Uno si chiamava "costantini" e si estendeva anche ai Balsami ed era abitato da persone impegnate nella vendita dei prodotti e nel commercio che svolgevano con il grande mercato di Salerno. Un altro fondo si chiamava "castagnano" ed andava dal Sorbo a Caposolofra era posseduto da solofrani che si erano trasferiti a Salerno per proteggere i loro prodotti una volta giunti in quel mercato.

Il casale aveva diverse chiese che erano importanti punti di riferimento non solo religiosi ma anche economici. In esse infatti c'erano gli altari posseduti dalle famiglie del posto, attraverso i quali si proteggevano i commerci. Ogni altare infatti era governato da un prete della famiglia proprietaria ed aveva in possesso alcuni beni (una terra o una casa), che non erano gravati da tasse, e ciò era un primo grande vantaggio economico; inoltre il bene veniva usato nei prestiti come garanzia e per questa operazione, proprio perché avveniva con un bene ecclesiastico non c'era alcuna tassa. È importante tenere presente questa funzione delle chiese poiché la religione in quei tempi difficili fu sempre vicina agli abitanti non solo facendoli entrare col battesimo nella società cristiana, sostenendoli in tutta la loro vita attraverso le pratiche religiose, accogliendo infine alla morte le loro spoglie ma anche venendo incontro ai loro problemi economici. Le chiese inoltre erano l'unico centro in cui gli abitanti potevano avere un'elementare istruzione in quei tempi in cui non esistevano scuole. In chiesa infatti si leggevano, oltre al Vangelo, i libri della vita di Gesù e dei Santi, si cantava e si imparavano a memoria canti e preghiere. Molti imparavano, con l'aiuto dei preti, anche a scrivere e contare, cosa necessaria per tenere i conti del commercio.

Ci furono chiese che avevano dei magazzini dove raccoglievano le pelli conciate e le proteggevano dai ladri e dai pericoli fino a quando queste erano portate dai mercanti alle fiere per la loro vendita. Questa funzione era svolta, per il Sorbo, dalla chiesa di S. Giacomo che si trovava alla fine del casale là dove cominciava la zona commerciale, aveva dinanzi un albero sotto cui si riunivano gli abitanti di tutti i casali per discutere le questioni della vita comune. Di essa è rimasto solo il nome di una via del Sorbo sottano.

Un'altra chiesa molto antica è Santa Maria delle Selve (ora chiamata S. Francesco) sulle pendici del monte Vellizzano accanto al Convento dei Cappuccini che fu costruito molto dopo, alla fine del XVI secolo, per iniziativa di una famiglia del Vicinanzo (via caduti 21 settembre 1943), i Landolfi, con il contributo di altre famiglie del Sorbo e dei preti della Collegiata. Altra chiesa antica del Sorbo fu quella di Santa Maria di Loreto, ora distrutta e che si trovava nella parte alta del casale ed era di proprietà della famiglia Guarino (1454).

Una chiesa più recente è quella di Santa Teresa con il Monastero, voluta da una delle famiglie dominanti del casale, i Ronca

.

 Il monastero servì per accogliere le figlie di queste famiglie che non si sposavano. Allora era molto frequente farsi suora ed era una questione economica, infatti le ragazze, entrando in convento portavano la dote in denaro o in beni. Questa veniva usata dal Monastero per scopi commerciali cioè serviva, sia il denaro che i beni, per sostenere il credito così come avveniva per i beni degli altari. In tal modo le famiglie, da cui provenivano le suore, non perdevano la dote che restava nel loro patrimonio e in più veniva utilizzata per i loro bisogni. Le famiglie facoltose quindi avevano interesse a costruire i Monasteri e le chiese che svolgevano un po' la funzione delle banche di oggi. Così si spiega perché Solofra ebbe tante chiese e tanti monasteri.

Il casale fu abitato da diverse famiglie rappresentative della società solofrana che fu composta essenzialmente da artigiani e da mercanti, le persone facoltose infatti erano proprietari di concerie ma soprattutto erano finanziatori, cioè permettevano con il loro denaro il commercio. Esse anticipavano anche il denaro per il pagamento delle tasse che la comunità solofrana doveva versare alla corte di Napoli, guadagnando quando bisognava raccogliere il denaro presso i contribuenti. Queste famiglie ricche e importanti, secondo l'uso del tempo, si distinguevano nella società solofrana con un stemma (arma) che non era nobiliare (cioè non era legato al possesso di un feudo o di un titolo di conte o marchese), ma era detto "borghese". Gli stemmi che in questo casale si trovano scolpiti sui portali, nelle chiese o in altri posti sono tutti di questa origine. In questa classe borghese ci furono anche coloro che svolgevano attività liberali derivanti dallo studio e costituivano la parte alta di questa società che era una borghesia artigiano-mercantile.

Il casale subì un aumento demografico nel Trecento poiché in questa epoca si trasferirono da Salerno molte famiglie di artigiani della pelle per poter esercitare la loro arte a Solofra aiutati dalla famiglia feudale dell'epoca, i Filangieri (la feudataria Francesca Marra, rimasta vedova, si legò in seconde e terze nozze con una importante famiglia di conciatori salernitani, i de Ruggiero), i quali inoltre fecero costruire il Convento di S. Agostino e ampliarono la zona del commercio. Tra le famiglie venute da Salerno ci furono i Ronca che portarono a Solofra l'arte della "speziaria", cioè della produzione e della vendita dei prodotti per la concia delle pelli, che allora erano vegetali ed erano, oltre alla scorza di castagno e di quercia, anche la mortella, il sommacco ed altri. Essi svolsero sempre questa attività. Altra famiglia del Sorbo impiantatasi a Solofra in questo periodo fu la famiglia Guarino proveniente dalla Puglia che si diffuse molto tanto che spesso veniva indicata con due nomi per distinguere i vari rami infatti al Sorbo ci furono i Guarino de Rutolo.

Un incrocio importante avvenne tra queste due famiglie e si ebbe il ramo Guarino detto Ronca che fu la famiglia più importante di Solofra nel Cinquecento con notai, finanziatori e uomini di chiesa. Questo ramo poi fu assorbito dalla famiglia principale, Ronca. Essi abitavano una corte detta Ronca-Guarino. Tra i rappresentanti di questa famiglia ci furono il notaio regio Aurelio Guarino detto Ronca, che stipulò gli atti commerciali solofrani per tutta la prima metà del Cinquecento, e il fratello Cosma che fu il primo primicerio della Collegiata (di lui esiste nella Collegiata il sarcofago marmoreo) oltre a tenere la gestione delle parrocchie di S. Agata e S. Andrea. Ancora di questo casale fu Alessandro Ronca, che all'inizio del Cinquecento era il maggiore finanziatore locale, attraverso la sua bottega passava quasi tutto il commercio solofrano, in special modo gestiva tutto il commercio della lana. Questo prodotto veniva dalla Puglia dove era raccolto dagli azzimatori solofrani (erano i tosatori) e andava alle industrie della lana della zona di Giffoni.

Le famiglie però non erano sempre in pace spesso litigavano come proprio successe a questa grande famiglia e cioè i Guarino, i Ronca e i Guarino detto Ronca per il possesso di un altare nella Chiesa di S. Angelo, la futura Collegiata. Ci fu un ramo dei Ronca che cominciò ad usare il cognome con la i finale e si ebbe quindi "Ronchi". Nei tempi antichi questo sistema era molto usato ed avveniva per distinguersi dagli altri del casato come fece Francesco Guarini che volle mantenere la i al suo cognome per distinguersi dalla famiglia originaria, lui che era diventato in innovatore della pittura del Seicento napoletano.

Altre famiglie del Sorbo furono i Grasso, che ebbero diversi uomini di legge tra cui un notaio, Bonaventura, che ha lasciato una memoria in cui parla di Solofra del suo tempo, e poi de Iacobatis, de Rutolo, Ginolfi, Ferrazzano e la famiglia di Ieso Ladi.

Alcune famiglie si trasferirono al Sorbo da altri casali. Questi trasferimenti avvenivano per mezzo di matrimoni che erano delle vere operazioni economiche poiché le due famiglie univano anche le loro attività e il loro denaro. Ciò avvenne con i Landolfi, provenienti dal Vicinanzo, che abitarono una cortina all'inizio di via Sorbo sottano. Fu questa una famiglia molto ricca, ebbe diversi importanti rappresentanti. I Vigilante invece vennero dalla Fratta. Era una tra le più ricche famiglie di Solofra ed ebbe un importante uomo di chiesa, Costantino, vescovo di Caiazzo e collaboratore col re Carlo III di Borbone nell'opera di rinnovamento del Regno di Napoli nel Settecento.

La ricchezza faceva diventare le famiglie potenti e dominatrici nella vita di Solofra difatti il casale già all'inizio del Cinquecento fu tra i più ricchi dei quindici che formavano Solofra. Esse prima di tutto partecipavano al governo della comunità (Universitas). Per governare una paese allora bisognava anticipare il denaro delle gabelle e ciò lo potevano fare solo le famiglie ricche, le quali naturalmente poi avevano dei vantaggi da questa attività di credito guadagnando molto con la riscossione delle tasse. Il governo di una Universitas era un vero e proprio affare economico. Queste famiglie poi parteciparono ad una importante operazione, quella della scrittura degli Statuti importanti articoli di cui si conservano tre corpi con cui la comunità solofrana regolò i propri comportamenti nei rapporti col feudatario cercando di difendersi dalle sue angherie. Esse poi parteciparono ad un'altra importante operazione e cioè all'acquisto del feudo. Poiché il feudatario costituiva un peso per il commercio solofrano in quanto bisognava versargli altre tasse, liberarsi di questo peso era di grande utilità soprattutto per le famiglie commerciali. Per fare ciò bastò versare alla Corte reale di Napoli una somma, che fu molto alta poiché corrispondeva al valore del territorio, di oltre ventimila ducati. Fu pagata nel 1535 dalle famiglie facoltose solofrane, molte delle quali del Sorbo, dando inizio ad un'epoca d'oro per Solofra, quella dell'autonomia feudale.

Un forte litigio tra le famiglie solofrane, a cui parteciparono anche i Ronca, determinò, in seguito, la vendita di Solofra ai feudatari Orsini. Finì il periodo d'oro della vita solofrana poiché gli Orsini si comportarono male e provocarono molti danni all'economia. Le famiglie ricche del Sorbo trovarono però il modo di trarre vantaggio da questa situazione e si posero dalla parte del feudatario che li aiutò, a svantaggio di quelli che invece erano contro. Questo casale proprio per la ricchezza dei suoi rappresentanti più importanti fu conservatore e molto moderato nel chiedere le riforme.

Quando ci fu la peste nel 1656, durante la quale morirono quasi tremila solofrani, anche il Sorbo perdette molti suoi abitanti e ne accolse degli altri che vennero da fuori.

Nel 1754 abbiamo un documento molto importante, il catasto onciario, cioè un inventario di tutte le famiglie e di tutti gli immobili e i beni che esistevano nel casale. Si può pertanto sapere che tutto il casale era costituito da quarantadue abitazioni, la maggior parte delle quali con orti e giardini, una metà delle case erano "palazziate" come allora erano chiamati i palazzi. Nella parte bassa c'erano zone date a coltura con frutteti, la parte alta, intorno al Monastero di Santa Teresa, era a castagneti fino al Convento dei Cappuccini. Lungo la strada, in località Crocevia e Croce dei Cappuccini, c'era una diramazione che congiungeva questa parte del casale con Caposolofra.

Le famiglie impegnate nella concia erano sette, quattro famiglie svolgevano l'attività del battiloro, c'erano anche attività minori: quella di un sarto ("sartore"), due famiglie lavoravano il legno, una il ferro, anche i bracciali (lavoratori dipendenti nelle concerie e nei campi) erano pochi, solo 15. Il casale non aveva né concerie né botteghe solo all'imbocco della zona del commercio c'era una bottega di "pizzicarolo". Molti erano i finanziatori.

Il rione durante la Seconda guerra mondiale ebbe molti danni e subì gravi perdite umane poiché fu colpito dal bombardamento del 23 settembre del 1943.

 

Un palazzo del Sorbo

Il XVIII secolo

 

Vai a

 

Sviluppo storico-urbanistico di Solofra

 

Home

 

Scrivi

 

© 2000 solofrastorica.it